Terremoto di intensità 6.2 ha colpito nella notte il centro Italia

Località

Un terremoto di magnitudo 6.2 ha colpito l'Italia centrale, uccidendo almeno 24 persone, con molte altre intrappolate sotto le macerie, durante il cuore della notte.

 

amatrice terremoto

Il sisma ha colpito alle 03:36 la piccola cittadina di Accumoli, in provincia di Rieti, a 100 km a nord-est di Roma, ad una profondità di 10 km.

I funzionari hanno avvertito che purtroppo il numero dei morti è destinato ad aumentare. Il capo del Dipartimento della Protezione Civile Curcio ha confronto l'intensità del terremoto a quello dell'Aquila nel mese di aprile 2009, in cui 309 persone sono morte.

Alcuni dei danni peggio sono nella città di Amatrice, dove sono almeno cinque le vittime e sono in corso le ricerche di sopravvissuti.

 

amatrice terremoto

"Le strade dentro e fuori la città sono impraticabili. La metà della città non c’è più. Ci sono persone sotto le macerie. C'è stata una frana e un ponte potrebbe crollare", ha dichiarato nella notte il sindaco Sergio Pirozzi alla televisione. "Ci sono decine di vittime, tanti sotto le macerie. Stiamo preparando un posto per i corpi”.

 

La strada principale che attraversa la città è stata devastata e i soccorsi stanno cercando di raggiungere sei persone in un edificio crollato.

Ad Accumoli, epicentro del sisma, il sindaco ha dichiarato che sei persone sono morte.

"Una persona è stata estratta dalle macerie durante la notte", ha detto Stefano Petrucci. "Poi c'è una famiglia di quattro persone in una casa crollata e purtroppo ci sono due bambini piccoli tra di loro.”

Nel frattempo i rapporti comunicano che altre 10 persone sono morte nel villaggio di Pescara del Tronto, al confine con il Lazio.

Il Sismologo Andrea Tertulliani ha riferito che lo sciame sismico continuerà ulteriormente, con numerose scosse con minore intensità,

"ma non si può escludere che ci potrebbe essere un’altra scossa della stessa entità come quella di stanotte," ha detto.

Le operazioni di salvataggio sono tutt’ora in pieno svolgimento. Sono attivi i numeri della Protezione Civile: 840840 e  803555. 

 

Perché l'Italia è a rischio terremoti? 

I terremoti sono un pericolo sempre presente per chi vive lungo la catena montuosa appenninica in Italia.

Attraverso i secoli, migliaia di persone hanno perso la vita a causa di tremori uguale o poco più intensi come quello che ha colpito nelle prime ore di oggi. La risposta moderna, per fortuna, è stata la costruzione più robusta e una migliore preparazione, ma non tutta l’Italia, come ben sappiamo, ha le case in regola.

 

terremoto italia

La sismicità del Mediterraneo è causata dalla grande collisione tra le placche tettoniche africana ed eurasiatica.

Il bacino del Tirreno tra il continente e la Sardegna / Corsica, si sta lentamente aprendo. Gli scienziati dicono che questo sta contribuendo all’estensione lungo l'Appennino. Questo stress è aggravato dal movimento a est, in Adriatico, dove la crosta sta spingendo dentro e sotto l'Italia.

Il risultato sono questi terremoti. 

Autore

341

ULTIME NOTIZIE ED EVENTI

Acquapendente
Arlena di Castro
Bagnoregio
Barbarano Romano
Bassano in Teverina
Bassano Romano
Blera
Bolsena
Bomarzo
Calcata
Canepina
Capodimonte
Capranica
Caprarola
Carbognano
Castel Sant'Elia
Castiglione in Teverina
Celleno
Cellere
Civita Castellana
Civitella d'Agliano
Corchiano