Ronciglione

Una donna di 75 anni, scomparsa da un anno, è stata trovata morta all'interno di un congelatore nel suo appartamento a Ronciglione. La donna, Rossana Bramante, era un invalida civile di Castelnuovo di Porto (Roma), che si era trasferita nella Tuscia da pochi anni insieme al fratello.   Diversi elementi della vicenda sono ancora poco chiari. No...

Il Territorio

Da sempre la sua posizione privilegiata favorì gli insediamenti, come dimostrano i numerosi reperti rinvenuti, risalenti, soprattutto, al periodo della dominazione etrusca, durante la quale fu al centro di fiorenti scambi commerciali. Vi sono testimonianze anche di epoca romana in cui è presumibile che la città fosse un “castrum”, posto tra la Cassia Cimina e la Cassia Clodia. Lo stesso nome, secondo alcune interpretazioni, trarrebbe origine da un nobile francese, un certo Rossilllon, trasferitosi qui per l'amenità dei luoghi: nel suo stemma erano rappresentati due leoni, gli stessi che ritroviamo nell'attuale stendardo del paese accanto al giglio farnesiano. I Farnese, infatti, estesero il loro dominio anche qui ed eressero Ronciglione, apportandovi numerose migliorie, non solo architettoniche: bonificarono infatti buona parte delle terre prospicienti il lago di Vico e, grazie alle acque del Rio Bravo, condotto artificiale da loro realizzato, permisero l'installazione di cartiere, ferriere, mulini e tipografie una delle quali fu tra le prime stamperie in Italia delle carte da gioco. Alla caduta del ducato di Castro anche Ronciglione venne incamerato, nel 1649, alla Santa Sede ma, contrariamente ad altri centri della zona, non perse la sua vitalità economica e culturale. Il Duomo, preziosità architettonica del paese, fu costruito nel 1671 su disegno del Rainaldi. In esso sono custodite numerose opere d'arte tra le quali spicca l'altare sinistro, realizzato con marmi policromi e ornato da una pala d'altare di Giuseppe Ghezzi raffigurante la Madonna del Rosario. Pregevole, anche la Fontana dei Liocorni opera del Vignola.

Cenni Storici

La Nostra Storia

Le origini di Ronciglione si fanno risalire agli insediamenti abitativi di epoca etrusca, di cui restano modeste necropoli nelle valli tufacee (colombari).
Vi sono testimonianze anche dell'epoca romana in cui è presumibile che la città fosse un "castrum" posto tra la Cassia Cimina e la Cassia Clodia.
Incerta è invece l'origine del nome.
Alcuni studiosi sostengono provenga dalla radice rum o rom di origine etrusca.
Altri asseriscono che esso derivi da Runcola o Roncilio, appoggiandosi al fatto che già da molti anni vi si fabbricavano ronci ed attrezzi agricoli di ferro.
Ma l'ipotesi più accreditata sembra essere quella che derivi dalla rupe fatta a forma di Roncola, su cui sorge l'antico abitato, il Bedini asserisce che " il nome Ronciglione sia venuto dalla conformazione del massiccio" su cui era stata costruita :
massiccio rotondeggiante = rotonduscilio --> rondus cilio --> roncilio --> Ronciglione

-Cronostoria ronciglionese:

1045:Ronciglione viene edificata dai prefetti di Vico.
Nell'Alto Medioevo è preda di numerosi saccheggi dei barbari, finche' a ridosso del Mille viene inclusa nel Ducato Romano della Curia Pontificia.
L'oscuro periodo delle invasioni barbariche resta documentato da vari cippi funerari.
Roma e il potere Pontificio hanno fortemente influenzato la storia di questa cittadina.
Nei secoli Roma ha conosciuto varie tristi vicissitudini fino all'affermazione del Ducato Romano che, sorto sullo sfacelo politico-amministrativo causato dalle invasioni, per impulso dei Papi, permise il ritorno alla legge come base del vivere civile.
Ronciglione vide l'affermarsi del governo rappresentato dal potere prefettizio, in particolare tra i Prefetti che ebbero a che fare con la Contea di Ronciglione, ci fu la potente famiglia di origine tedesca dei Prefetti di Vico, che prese il nome dal lago su cui dominò.
Difatti, non potendo dominare direttamente la contea, si costruirono un alto castello a picco sul promontorio del Lago di Vico, di cui ancora oggi restano le rovine dette "il Castellaccio". Temuti e forti dominarono dopo il mille, per circa quattro secoli.

1435: Giacomo di Vico, ultimo signore di Ronciglione, fu decapitato a Vetralla da Giovanni Vitelleschi su ordine del Papa Eugenio IV, a cui si era ribellato.
Lo stesso Papa diede in dono Ronciglione ad un'altra importante famiglia, quella degli Anguillara.
Il principale esponente fu il Conte Everso Dell' Anguillara, che per circa ventinove anni dominò sia la Contea che altri paesi limitrofi.

1464: I figli del Conte, ribellandosi allo Stato Pontificio, causarono la fine degli Anguillara nel per ordine di Papa Paolo II, che ritornò così in possesso diretto della Contea di Ronciglione, nominando propri governatori.
Fra questi si può annoverare il cardinale Giuliano della Rovere, nipote di Sisto IV che più tardi divenuto anch'egli Papa, con il nome di Giulio II, fu il grande protettore della cittadina.

1537: Papa Paolo III Farnese unisce la contea di Ronciglione al ducato di Castro per Pier Luigi Farnese.
Questa famiglia divenne molto potente dominando oltre che su Castro e Ronciglione anche su Parma e Piacenza.
Sotto i Farnese, Ronciglione, che era la capitale e la residenza ufficiale dei duchi, conobbe le magnificenze dell'Umanesimo e del Rinascimento. Sorsero gli edifici più vistosi che ancora oggi si ammirano: la Fontana Grande, Porta romana, la Chiesa della Pace, il Palazzo della zecca, (andato distrutto nella guerra del 1944).
Più importante ancora fu la realizzazine di una rete viaria ampissima e modernissima. Ronciglione, durante il governo dei Farnese, conobbe anche la prima rivoluzione dell'epoca, fu trasformata da agricola in una cittadina industriale, con l'apertura di ferriere, cartiere, ramiere e di altri opifici, grazie anche all'immissione dal nord di operai specializzati.
La sua popolazione passò di netto da 3000 abitanti a 5500; sorse la seconda Ronciglione più ampia e ricca. E come tutte le corti ducali del Rinascimento, conobbe i fasti delle feste e dei ricevimenti, si consolidò in questo periodo il carnevale che ancora oggi resiste all'usura del tempo. L'enorme e sproporzionato dispendio dell'economia Farnesiana, fece salire paurosamente i debiti dei duchi.I testi riportano la favolosa cifra di 1.622.000 scudi.

1649: Papa Urbano VIII decise di togliere ai Farnese il Ducato di Castro e Ronciglione e così la cittadina passò di nuovo sotto il diretto dominio dei Papi.
La sconfitta della famiglia Farnese avvenne con la totale distruzione della città Castro, che dopo cinque ore di combattimento fu rasa al suolo " senza lasciar pietra su pietra".

1728: Papa Benedetto XIII, diede a Ronciglione il titolo di Città. Durante questo periodo fu ultimato il nuovo Duomo, crebbero le industrie e sorsero altri palazzi, finché la rivoluzione francese, che scosse tutta l'Europa sconvolse anche Ronciglione, che opponendosi al passaggio delle truppe francesi, fu tradita, abbandonata e presa dal Generale Valterre che la incendiò e saccheggiò, massacrando 85 cittadini, il 28 luglio 1799.(Tre notti e tre giorni durò il saccheggio e l' incendio) Superati i tragici eventi, la cittadina, benché riedificata, non riuscì più a tornare all'antico splendore.
Durante la seconda guerra mondiale fu bombardata il 5 Giugno del 44.

Ronciglione, situato a circa 400 metri s.l.m., ha un'invidiabile posizione geografica e climatica e negli ultimi anni ha sviluppato le attività inerenti al turismo valorizzando in particolare il patrimonio ambientale del Lago di Vico e le proprie tradizioni gastronomiche e culturali.

Numeri ed indirizzi utili

Ufficio di Staff

Area: AMMINISTRAZIONE AFFARI ISTITUZIONALI
Ufficio Staff del Sindaco

Responsabile: Dott.ssa Simona Merante
Telefono: 0761/629050
E-mail: merante.comune@gmail.com

Polizia Locale

Area: DIPARTIMENTO DI SICUREZZA
Corpo di Polizia Locale e Servizio di Polizia Amministrativa
Responsabile funzioni gestionali dell'Area Dott. Francesco Casano

Comandante del Corpo: Cap. Antonio Mocavini
Vice Comandante del Corpo: Ten. Silvio Gianforte
Telefono: 0761/629036 - 0761/629046
Fax: 0761/652037
Email: vigili@comune.ronciglione.vt.it

Cultura, Turismo, Sport
Responsabile settore:
Dott. Francesco Casano
:
Telefono: 0761/629030 - 629033
E-mail:

attivitaproduttive@comune.ronciglione.vt.it

culturaturismoronciglione@gmail.com

La Biblioteca

Telefono: 0761/627537
Sito Web www.bibliotecaronciglione.it
Email: bibliotecaronciglione@yahoo.it
Personale: Dott.ssa Marina Angeletti

Acquapendente
Arlena di Castro
Bagnoregio
Barbarano Romano
Bassano in Teverina
Bassano Romano
Blera
Bolsena
Bomarzo
Calcata
Canepina
Capodimonte
Capranica
Caprarola
Carbognano
Castel Sant'Elia
Castiglione in Teverina
Celleno
Cellere
Civita Castellana
Civitella d'Agliano
Corchiano